Repubblica Toscana – Già Granducato di Toscana



 

 

Elezioni 8-9 giugno: che fare?

Nel prendere atto per l’ennesima volta di come la battaglia localista, autonomista, federalista continui a non trovare praticamente alcuno spazio nel dibattito politico, e nel prendere perdipiù atto di come a quelle poche forze che cercano tenacemente di portarla avanti sia sbarrata la strada da leggi che tutto fanno meno che favorire la democrazia, ci chiediamo se e chi votare alle elezioni amministrative ed europee dei prossimi 8 e 9 giugno.

In Toscana, dove purtroppo non ci sono (a differenza di altri territori dove qualche eccezione ancora si riscontra), candidati che possano dirsi in linea con la battaglia suddetta e con le altre battaglie storiche che il MAT conduce da ben 35 anni, le scelte non possono che ridursi a 2: o annullare la scheda scrivendo "Toscana Libera" o votare - "turandosi il naso" come diceva il grande Toscano Indro Montanelli – contro il partito “democratico” e i suoi complici che, oggi come ieri, sono il centro della cattiva amministrazione, del malaffare, della corruzione e delle clientele, sono i nemici massimi delle culture e delle identità, sono i fautori della sostituzione etnica per mezzo dell’immigrazione di massa, sono coloro che promuovono l’impoverimento dei popoli con il costante sostegno alle centrali politiche ed economiche tecnocratiche “multi” e “sovra” nazionali, sono i più ferventi sostenitori della distruzione del tessuto sociale mediante le ripetute propagande pro “gender” e “lgbt”.

Firenze, 4 giugno 2024

 

 

Contribuisci

La Toscana ha

bisogno di TE!
Effettua la tua donazione!

 

Lo Statuto

Clicca sull'icona e scarica lo Statuto
dell'associazione
"Chimera"

CONTATTI

 

 

«Quando il cittadino accetta che,
di dovunque venga,
chiunque gli capiti in casa possa acquistarvi gli stessi diritti di chi l'ha costruita e c'è nato; quando i capi tollerano tutto questo per guadagnare voti e consensi in nome di una libertà che divora e corrompe ogni regola ed ordine, così muore la democrazia: per abuso di se stessa.
E prima che nel sangue, nel ridicolo»
                                                                                    (Platone)

Iscriviti alla Newsletter

Don Lorenzo Milani«Gli imperialismi? Ci vorrebbero ventimila sammarini per eliminarli. Il mondo cambierebbe radicalmente in meglio, sarebbero protette le culture e le identità. Sostanzialmente sarebbe protetta anche la pace, perché le guerre diverrebbero guerricciole»
                                                                                    (Don Lorenzo Milani)

SAGGEZZA POPOLARE

07.luglio

Volantini

Video News

documenti storici

 

banner234x60

 

 

Utenti online

(C) 1989-2024 By Movimento Autonomista Toscano C.F. 94027580482 C.P. 1208 - 50100 Firenze

E-mail: mazzerelli[@]hotmail.it

Questo sito utilizza i cookies, proseguendo con la lettura accettate i termini della normativa sulla politica dei cookies.

web design by Lomark.NET